manifesto ACCONTO IMU 2021

Data:
07 Giugno 2021
Immagine non trovata

Scadenza versamento acconto IMU  anno 2021

 

Avviso

 

NOVITA’ 2021

 

Si informano i contribuenti che, a decorrere dal 2020, la Legge di Bilancio 2020 ha abolito la TASI e l’IMU componenti della IUC, prevedendone l’unificazione.

 

L’imposta, denominata “nuova IMU”, in vigore dal 2020, per l’anno 2021 mantiene in linea generale gli stessi presupposti soggettivi e oggettivi, disciplinati dalla normativa per l’annualità 2020.

Il pagamento dell’imposta avviene in due rate, ossia:

  • 16 giugno per l'acconto;
  • 16 dicembre per il saldo.

 

Il versamento della rata in acconto (entro il 16/06) dovrà essere eseguito sulla base delle aliquote che sono state approvate dall’Ente con delibera di C.C. n. 13 del 24/05/2021.

 

Informativa e istruzioni per il calcolo e il versamento

 

Fonte normativa

 

Commi da 739 a 783 – art. 1 L. 160/2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esenzioni

 

 

Sono esenti dall’IMU:

  • l’abitazione principale e relative pertinenze (solo una in cat. C2,C6,C7), escluse le abitazioni di tipo signorile, ville, castelli, palazzi di pregio storico-artistico (A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze), i cui proprietari sono comunque soggetti al pagamento dell’imposta;

 

  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, anche in caso di studenti universitari non residenti;

 

  • gli alloggi sociali dell’ALER e/o degli enti di edilizia residenziale pubblica (L. n.102/2013), regolarmente assegnati, in quanto equiparati ad abitazione principale;
  • l’abitazione non locata del soggetto in servizio permanente presso le forze armate e le forze di polizia, anche se non ivi residente, con esclusione delle categorie A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze;
  • l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale assegnata al genitore affidatario dei figli a seguito di provvedimento del giudice che costituisce altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso, ad esclusione delle categorie A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze;

 

 

  • l’abitazione non locata del proprietario o usufruttuario ricoverato in casa di cura o casa di riposo in modo permanente, con esclusione delle categorie A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze;

 

  • I terreni agricoli condotti da CD e IAP;
  • l’abitazione dei proprietari, usufruttuari o di titolari di altri diritti reali su immobili, con esclusione delle categorie A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze, residenti all’estero ed iscritti AIRE, che siano pensionati nel paese di residenza (art. 9/bis L. n.47/2014) a patto che l’unità immobiliare, una e solo una su tutto il territorio nazionale, non sia locata o data in comodato d’uso;

 

  • i fabbricati di proprietà della Santa Sede indicati negli articoli 13, 14, 15 e 16 del Trattato tra la Santa Sede e l'Italia, sottoscritto l'11 febbraio 1929 e reso esecutivo con la legge 27 maggio 1929, n. 810;

 

  • i fabbricati appartenenti agli Stati esteri e alle organizzazioni internazionali per i quali é prevista l'esenzione dall'imposta locale sul reddito dei fabbricati in base ad accordi internazionali resi esecutivi in Italia;
  • i fabbricati destinati esclusivamente all’esercizio del culto;
  • fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
  • immobili posseduti e utilizzati dai soggetti di cui alla lettera i) del comma 1 dell'articolo 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, e destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali delle attività previste nella medesima lettera i);
  • ESENZIONE VERSAMENTO in acconto per specifiche categorie (vedi manifesto esenzione pubblicato sul sito istituzionale)

 

 

Ripartizione imposta

L’obbligo di versare la quota Statale dell’IMU permane solo per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale “D”, per i quali l’imposta andrà così suddivisa:

  • 7,60 per mille da versare allo Stato        (cod. tributo 3925);
  • 3,00 per mille da versare al Comune      (cod. tributo 3930).

 

 

 

 

Quando e come versare l’IMU

La rata IMU in acconto deve essere pagata entro il 16/06/2021.

L’imposta deve essere versata con il Modello F24 (anche on-line), da ritirare presso sportelli bancari o postali.

L’imposta deve essere arrotondata all’euro, per difetto se la frazione è inferiore o uguale a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.

L’imposta non è dovuta qualora l’importo annuo complessivo sia minore o uguale a € 12,00.

 

 

Detrazione per abitazione principale

 

(categorie A/1, A/8 e A/9)

Solo per le unità immobiliari comprese nelle categorie A1, A8 e A9 adibite ad abitazione principale e relative pertinenze è prevista una detrazione d’imposta di € 200,00 che va rapportata in dodicesimi al periodo dell’anno in cui viene effettivamente utilizzato l’immobile come abitazione principale.

Se l’unità immobiliare corrisponde all’abitazione principale di più soggetti, la detrazione deve essere ripartita in parti uguali e, se non trova totale capienza nell’imposta dovuta per l’abitazione principale, può essere computata, per la parte residua, in diminuzione dell’imposta dovuta per la o le pertinenze dell’abitazione principale stessa.

 

Base imponibile

 

La base imponibile IMU è data dalla rendita catastale risultante al 1° gennaio dell’anno d’imposizione, rivalutata del 5% moltiplicata per uno dei coefficienti moltiplicatori sotto indicati.

Alla base imponibile (valore catastale) si applicano le aliquote sotto dettagliate.

 

 

 

 

Aliquote 2021 Per il calcolo dell’acconto e del saldo

Le aliquote da applicare per il calcolo dell’acconto dell’IMU 2021, sono quelle approvate con delibera di C.C. N. 13 del 24/05/2021 e precisamente:

IMU

 

 

Tributo

aliquota

IMU per tutti i fabbricati diversi dall’abitazione principale e relative pertinenze e le aree edificabili

 

10,6 per mille

IMU abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1 – A/08 e A/9 nonché le relative pertinenze

 

4 per mille

 

 

 

 

 

 

 

Coefficienti moltiplicatori I.M.U.

160     per categoria catastale “A” (esclusa A10) e Categorie Catastali C/2, C/6 e C/7;

140     per categoria catastale “B” e categorie C/3 (laboratori), C/4 (fabbricati per esercizi sportivi);

80     per categoria catastale A10 (uffici) e D/5 (istituti di credito e assicurazioni);

65     per categoria catastale “D” (esclusa D/5);

55     per categoria catastale C/1 (negozi e botteghe);

 

Il versamento dell’IMU con F24

semplificato

 

 

Nella colonna “sezione” del modello F24 va indicato “EL”.

Il “Codice Ente” per il Comune di Atrani è A487, da indicare anche per la quota parte dello Stato.

 

 

Codici Tributo IMU

I codici tributo da indicare sono i seguenti:

Comune:                3912        per abitazione principale e pertinenze Comune:                3916        per aree fabbricabili

Comune:                3918        per altri fabbricati (esclusi gli immobili ad uso produttivo Cat. D) Quota Stato:           3925        per altri fabbricati (solo immobili uso produttivo Cat. D)

Quota Comune:     3930        per altri fabbricati (solo immobili uso produttivo Cat. D)

 

RIEPILOGO ALIQUOTE IMU DA ADOTTARE

PER IL CALCOLO DELL’ACCONTO IMU 2021

 

 

 

 

L’abitazione principale e quelle assimilate (ad esclusione di quelle in Cat. A1-A8-A9) sono esenti da IMU.

ALIQUOTE IMU ACCONTO 2021

tributo

aliquota

IMU per tutti i fabbricati diversi dall’abitazione principale e relative pertinenze e le aree edificabili

 

10,6 per mille

IMU abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1 – A/08 e A/9 nonché le relative pertinenze

 

4 per mille

 

 

I contenuti della presente informativa sono da intendersi coerenti con la normativa alla data di redazione e potrebbero essere oggetto di ulteriori evoluzioni nazionali.

 

 

 
 

 


                                                                                                                             

 

È possibile effettuare il calcolo dell’IMU e stampare il modello F24 accedendo al sito del Amminstrazionicomunali.it .

Ulteriori informazioni sono reperibili presso l’Ufficio Tributi  del Comune di Atrani negli orari di apertura al pubblico (tel.089871185) e sul sito del Comune www.comune.atrani.sa.it o richiedendole tramite mail da inviare a protocollo@comune.atrani.sa.it indicando nell’oggetto che l’email è diretta all’Ufficio Tributi.

A causa dell’emergenza sanitaria in atto, l’accesso all’ufficio tributi è garantito esclusivamente previo appuntamento.

Atrani, 7 giugno 2021

Ultimo aggiornamento

Lunedi 07 Giugno 2021